MONTv

MONTmp3

MONTpics

Top Tens

Racconti

BEST VIEWED with MOZILLA FIREFOX

lunedì, giugno 26, 2006

I dieci commenti live di Bossi durante lo spoglio dei voti per il referendum











10. Spoglio non iniziato - Se vince il NO me ne vado in Svizzera.
9. 3% delle schede - Chi vota NO è un terrone.
8. 12% delle schede - Ho già ordinato 16 magnum di Champagne.
7. 13% delle schede - Il nord è mio, il nord è mio!
6. 25% delle schede - Nessuno mi toglierà Lombardia e Veneto!
5. 54% delle schede - Mi è rimasta la Kamchatka.
4. 66% delle schede - Pronto Silvio? Inizia pure con la storia dei brogli...
3. 71% delle schede - Dovevamo farlo abrogativo.
2. 85% delle schede - Sarà l'ictus che parla, ma ancora mi sento fiducioso.
1. 94% delle schede - Si va avanti comunque. Porco Odino.

N.B.= le frasi dalla 9 alla 2 sono una libera interpretazione del sottoscritto.

In realtà Bossi l'ha presa bene. Almeno la sua parte destra, perchè la sinistra non è ancora stata avvertita.

Valete.

martedì, giugno 20, 2006

Freddure
















Numero 1.
Fini=Se questo fosse un paese serio, le persone come Woodcock non le farebbero lavorare!

Grazie al cazzo! Se fosse un paese serio ci sarebbero meno delinquenti e i magistrati avrebbero meno lavoro.

Numero 2.
11.00 - IRAQ - Raid USA causa 13 morti.
Sono italiani? No.
E allora chissenefrega.

sabato, giugno 17, 2006

Avanti Savoia!


Sudditi del regno d'Italia, prostratevi dinnanzi al vostro Re.
Dopo sessant'anni di dittatura democratica l'Italia esige il ritorno alla più nobile e paritaria forma di governo: la monarchia.

Oggi, certi uomini stanno cercando di infangare la reputazione del nostre sovrano eletto da Dio e noi dobbiamo fare qualcosa. Come può un uomo spodestato dal suo regno da generazioni essere trattato come un criminale qualunque? Un uomo della sua caratura, della sua superiorità indiscussa, essere trattato come un vile brigante dell'ottocento? Provate a mettervi nei suoi panni: torna in Italia, suo regno, dopo una vita passata in Svizzera, senza conoscere neanche un'usanza del suo paese; da buon sovrano cosa fa? Cerca di allacciare dei contatti con i suoi beneamati sudditi. Appena arrivato capisce subito qual'è l'attività nazionale per eccellenza, e da buon Italiano la mette in pratica. E adesso gli vengono a dire che non si può. Poveretto, così gli confondiamo solo le idee. Per aiutarlo, propongo ora una lista di scuse che può utilizzare per giustificarsi.

Le dieci frasi che Vittorio Emanuele può utilizzare per difendersi dalle accuse di corruzione e sfruttamento della prostituzione

10. Credo che Woodcock abbia anche la testa, di legno.

9. Sono ricco, dovrò pure avere qualche passatempo, no?

8. Avete per caso il numero dell’avvocato Taormina?

7. Stavo solo promuovendo il ritorno dello “ius primae noctis”.

6. Mi avevano detto che senza la fedina penale sporca non si può entrare in politica.

5. E’ il mio primo giorno, qui.

4. Vi sembra possibile campare solo di spot sui sottaceti?

3. La pensione è una brutta bestia.

2. Io sono solo il braccio. La mente è Giolitti.

1. Pensavo che le puttane fossero la valuta nazionale.


Valete.


giovedì, giugno 15, 2006

L'angolo della Franzoni

Cogne. I periti del processo hanno stabilito che ai tempi del delitto Annamaria Franzoni era in parte malata di mente.

-Si, dal collo in su.

PS: Io mi sono quasi stufato.

martedì, giugno 13, 2006

Dalla prima lettera di Mont a Dio



Bagno di Romagna, lì 21/02/2006

Carissimo collega,

non ti dispiace se ti chiamo così vero? E' per deformazione professionale. No, non sono presidente del consiglio (ancora), ma anch'io tendo a raccontare delle balle. La mia volontà di scriverti nasce dal momento in cui ho sentito la notizia che, per l'ennesima volta, la statua di un santo ha lacrimato. E per l'ennesima volta ha lacrimato sangue. Ora, mi vuoi spiegare il perchè ti metti a fare 'ste cazzate? Guarda che poi rischi che la gente ti creda veramente. E sono cazzi. E' facile creare l'universo e rilassarsi per i seguenti mille milioni di anni. Per inciso, l'hai davvero creato tu l'universo? Insomma, eri l'unico testimone, non c'era un animale, un giornalista, una telecamera! Chi mi dice che tu non sei arrivato quando tutto era già bell'e pronto? Certo, ogni tanto hai fatto la tua comparsa, a volte anche in modo lodevole, ma ciò non ti giustifica a fare 'ste cazzate. Si, si lo ripeto: CAZZATE.

Una volta eri un Dio coi controcoglioni! Locuste, pestilenze, diluvi (anche se ho preferito quello con i rospi), Lazzari, e uno su tutti, trasformavi l'acqua in vino! Questo sì che è un tocco di classe. Immagina che figurone faresti oggi! E invece no. Lui deve fare lacrimare le statue. Deve far sudare i crocifissi. E la gente ti giustifica: "con questi segni vuole inculcare in noi l'amore divino". Per non parlare poi delle stigmate! Mi fai davvero venire il nervoso. Adesso ti spiego quelle due o tre cose sulle stigmate che in tutti questi anni ancora non hai imparato.

1. Se il tuo intento è quello di far provare la sofferenza o il pentimento (in genere le giustificazioni sono queste) smettila pure. C'è già Bruno Vespa.

2. Sarò perverso, ma l'unica utilità pratica che possono avere dei buchi nelle mani è una valida alternativa alla masturbazione.

3. Le stigmate non devono comparire nel palmo delle mani, ma NEI POLSI! Se ti fai attaccar su con un chiodo infilato nella mano, resti su per circa dodici secondi, poi caschi in avanti e resti appeso per i piedi. Cazzarola, chiedilo al tuo figlio! Ti ricordi di lui no? Un certo Gesù.

Ora ti dò io un consiglio: se ti venisse la voglia di fare un miracolo serio, ti passo un piccola lista di cose che potrebbero aumentare la tua popolarità e la fede nei tuoi seguaci:

I dieci miracoli che Dio dovrebbe fare per aumentare la sua popolarità

10. Farmi dimagrire.

9. Convincere Adriana della Tim a iscriversi all'AIDO, ma sono per un organo in particolare.

8. Far venire un ictus anche a Cossiga (a proposito, grazie per "tu sai chi").

7. Trasformare San Pietro nella discoteca gay più in di Roma.

6. Far dire ad Annamaria Franzoni: “Si, sono stata io”.

5. Assolvere la mafia dalle infamanti accuse di aver avuto rapporti con Berlusconi.

4. Farmi crescere i capelli.

3. Far pisciare addosso Ratzinger ogni volta che pronuncia la parola pacs.

2. Mandare un altro figlio, però più in stile “Vladimir Luxuria”.

1. Fare arrivare l’ADSL nel comune di Bagno di Romagna.


Fammi sapere.

Marco "Mont" Montini

P.S. = A che cacchio di indirizzo la spedisco 'sta lettera?

sabato, giugno 10, 2006

Paure


















Valete.


Delucidazioni


Mi è stato chiesto il significato della parola che in genere chiude ogni post di questo blog.

Vi riporto di seguito dal dizionario Paravia, il significato del verbo valeo:

valeo, es, valui, valitum, ere, 2° intr. 1 essere forte, avere vigore; 2 stare bene, essere sano o in buona salute...

da cui valete, come imperativo plurale del verbo stesso.

Cicerone (ma non solo lui immagino) utilizzava la parola valete come forma di saluto nelle lettere anche se, per essere precisi, era una forma di saluto iniziale. Io invece auguro a voi, miei weblettori, di "stare bene" dopo aver letto le mie missive, perchè so bene che il loro contenuto è spesso e volentieri causa di forti attacchi di cagarella.

Quindi, come al solito,

Valete.

giovedì, giugno 08, 2006

Tristezza



















Valete.

martedì, giugno 06, 2006

Pacs e bene fratelli

Stanotte ho fatto uno strano sogno.

Mi ero appena recato al più vicino rivenditore di fiducia, non so bene di cosa, quando alle mie spalle è apparso lo spirito di Galeazzo Ciano con le sembianze di Mirko Tremaglia. Come ho capito che era Ciano? Semplice, parlava male di Mussolini.

Intanto nel Quebec, una vecchia signora si stava intrufolando nello spogliatoio della squadra di calcio locale.

Tornato a casa non persi tempo, e di buona lena mi sdraiai nel divano. In televisione, Ratzinger, durante il suo show del mercoledì sera, pronunciò la frase che ancora oggi mi fa ridere a crepapelle.
"No ai pacs!"
Seppure possa far ridere il fatto che il papa si preoccupi per la futura vita di persone che in passato lui e i suoi avrebbero bruciato volentieri, la cosa mi fece riflettere.
Perchè un uomo il cui ruolo è globalmente importante, un capo di stato e di culto, che ha a che fare, dati entrambi i ruoli, con problemi come la fame nel mondo, le guerre, i rapporti internazionali, i preti pedofili e le ballerine, perchè mi chiedo, si preoccupa di una legge che renderebbe legali anche le coppie omosessuali?

Non ce la fate? Ve lo dico io.
Perchè la legge renderebbe legali anche le coppie omosessuali! Bravo patacca, direte voi. Però vi manca un piccolo tassello. Chi fa parte delle fila vaticane, delle parrocchie, delle principali sedi religiose? Il clero. Da chi è composto il clero? Da uomini. Molti dei quali omosessuali repressi da un clima religioso pesante ed opprimente. Con la minima opportunità di fuggire all'inferno della castità, e addirittura di venire riconosciuto per legge, un gran numero di "chierici" si dimetterà e il Vaticano non avrà più avamposti per controllare l'oscurantismo che da 2000 anni distribuisce nel mondo e in Italia.

Meno censura, meno controllo e soprattutto meno preti!

- Cazzo! - disse la signora, dal Quebec.

Poi mi sono addormentato.

Valete.