MONTv

MONTmp3

MONTpics

Top Tens

Racconti

BEST VIEWED with MOZILLA FIREFOX

martedì, dicembre 19, 2006

La dieta del cannibale

Il mio corpo, già emaciato
Venne invaso dal pallore
Al sentir senz’altra scelta
Il verdetto del dottore.
Mi costrinse, per il sangue,
sette volte a settimana
A mangiar lessa od al forno
Della dolce carne umana.
Questa dieta, dai lo ammetto
Di sicuro fu sancita
Sia da qualche mio difetto
Sia da scelte della vita.
Io difatti vivo in India,
son di fede musulmana.
Odio poi pollo ed agnello:
resta sol la carne umana.
Quando devo far la spesa,
il prodotto va cercato
in un luogo atto allo scopo
tipo in un supermercato.
Vai a spiegar però al commesso
grassottello e con gli occhiali,
Che il prodotto che cercavi
Non sta sopra agli scaffali.
Come strada alternativa
Ne ho trovata un'altra sola:
aspettare l’una e mezza
all’uscita della scuola.
Il problema ai giorni nostri
È che tutti quegli infanti
Pensan subito che sia
Un pedofilo dei tanti.

Valete.

2 commenti:

Lorenzo Chiatti ha detto...

si dice che se li pisi, la carne dei bimbi sia più tenera.....

Tella ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.