MONTv

MONTmp3

MONTpics

Top Tens

Racconti

BEST VIEWED with MOZILLA FIREFOX

lunedì, novembre 12, 2007

Pulizia










Premettendo che l'omicidio di ieri non ha nulla a che fare con lo sport, perchè invece di dare la colpa al calcio non cominciamo a dare la colpa alle persone?

- agli ultras che in quanto tali sono senza dubbio stupidi per dare tanta importanza a quello che è solamente un gioco
- alle forze dell'ordine che non selezionano e non formano i loro uomini, e per questo hanno fra le loro fila anche elementi disturbati e pericolosi
- ai dirigenti che sborsano fior di quattrini per delle persone che stanno più tempo in discoteca che sul campo
- agli italiani che spendono volentieri migliaia di euro in quotidiani sportivi, abbonamenti tv, riviste del settore, per sentirsi dire delle gran puttanate senza avere minimamente la capacità di digerire la merda che leggono e rendersene conto

Troppo facile dare la colpa al calcio.

Valete.

3 commenti:

Elia Battistini ha detto...

Il tuo discorso, Mont, ha una serie invidiabile di falle (non falli...), secondo me.

1) Il capitolo ultras è estremamente controverso. Una buona percentuale di quelli che vanno allo stadio e si fregiano del titolo di ultras, della partita e della squadra se ne fregano altamente. Per questa gente lo stadio è una valvola di sfogo, se venisse negato loro di fare casino in quel contesto stai tranquillo che lo farebbero altrove. Quindi il problema non è dare troppa importanza al PALONE, sarebbe troppo semplice.

2) Sulla scarsa selettività di chi si occupa di reclutare "le forze dell'ordine" siamo tutti d'accordo, soprattutto dopo aver visto e sentito "parlare" il caro Mario Placanica da Catanzaro. E' anche vero che è NOTO che alle forze dell'ordine sono state tolte molte risorse e questo è un problema. Ma anche qui, il PALONE non c'entra mi pare...

3) Il fatto che spesso il PALONE manchi di moralità, perché è questo che intendi quando abbozzi il tema dei super ingaggi, è un discorso a se' ma anche qui non vedo il nesso coi casini successi. Oltretutto moralità non è un termine gradito a questo blog, stando a quanto hai sempre affermato. E poi dov'è la moralità? Cos'è più che altro! Finché un Moratti butta via dei soldi a me...detta schietta...che cazzo me ne frega? Sono suoi, farà quel che pensa sia giusto. Non per questo vado a spaccare vetrine o incendiare macchine. Capito?! Manca il nesso!

4) Ci risiamo: gli italiani che spendono per comprare la gazzetta non sono quelli che rompono i coglioni. Su questo ci puoi scommettere. E poi se sei partito dicendo che la colpa non è del calcio, perché dai la colpa di cose astruse a chi guarda il calcio perché gli piace, e non fa danno a nessuno!

Purtroppo hai il difetto che ciò che piace a te è buono e giusto, ciò che disprezzi per motivi tuoi (e su cui non ci dev'essere dibattito perché sono TUOI) deve per forza essere merda, ma le motivazioni che adduci fanno scappare da ridere. Confondi una serie di pretesti fra loro, li mischi e sputi la sentenza. Stai facendo il moralizzatore te ne accorgi sì? Ma comunque ne abbiamo sempre discusso e non ci abbiamo mai cavato un ragno da un buco...

Nicola Andrucci ha detto...

mi permetto di segnalare una notizia sconcertante, pubblicata da un blog che si "dichiara" di sinistra ma che nella realtà appoggia e inneggia alle devastazioni fasciste di questi giorni.
Vedere che ci sia gente che si dichiara di sinistra e inneggia ai movimenti fascisti, la dice lunga sulla crisi di valori che sta vivendo la nostra società.

questo articolo, che ringrazia i tifosi dell'atalanta che hanno devastato lo stadio è a dir poco delirante, fascista e vergognoso:

http://www.noantri.splinder.com/post/14683959/Tifosi+bergamaschi+bloccano+la

Sereno Polveroso ha detto...

Dai dai polemica!!

Allora io stavolta non son d'accordo con elia. Il calcio è come la chiesa: è qualcosa che in italia ha troppo peso, influenzando negativamente politica e tutto ciò che ne consegue. I politici sanno che la maggioranza degli italiani segue il calcio, molti sono appassionati, altri sono fanatici... cmq sia ci pensano 2 volte prima di prendere provvedimenti che possano creare scontento tra i tifosi, o tra le società calcistiche. Quindi non è vero che comprando la gazzetta non si fa nulla di male. In una certa maniera si manifesta interesse per il calcio, e non basta dire a me piace lo sport in se, lo sport puro, perchè si pretende una differenziazione che non può esistere a livello statistico. Gli spettatori del palone sono dunque tutti quelli che in qualche modo lo seguono: da quelli che vanno allo stadio a quelli che comprano la gazzetta. Anche perchè non sono udibili voci di dissenso che voglio sottolineare queste distinzioni: sono sempre tutti uniti per difendere il loro PALONE.

Tu dici di non fare moralismi, e quindi lasciar passare gli stipendi stellari, o le spese delle società. Io già qui se fossi tifoso, non sarei d'accordo, ma non essendolo me ne fotto. La storia cambia invece quando parliamo di debiti, di magagne finanziarie o di ipotetici prestitti statali a società calcistiche allora mi incazzo, ma di brutto. Per le sociètà calcistiche sembrano tutti disposti a passare sopra a tutto, a chiudere un'occhio. Anche adesso, che hanno sospeso il campionato in C e B: perchè non la A che era la serie più coinvolta? La risposta è semplice: interessi. E poi è una stronzata voler assolvere il mondo del calcio da quello che è successo: perchè non dicono chiarametne che gli ultras sono dei dementi invasati del cazzo? Ma invece fannno servizi a studio aperto sulla vità da ultra? Perchè naturalmente gli ultras portano più soldi che un tifoso che guarda la tele e basta. Sulla polizia: ogni poliziotto in servizio allo stadio prende 9 euro in più: perchè si devono pagare con soldi statali? Giocate a porte chiuse, se non c'è un ordine adeguato. Non è un servizio come l'istruzione o la sanità. Non basta giustificarlo con "la maggioranza degli italiani lo vuole" soprattutto quando muoiono persone agenti o tifosi che siano.