MONTv

MONTmp3

MONTpics

Top Tens

Racconti

BEST VIEWED with MOZILLA FIREFOX

giovedì, maggio 27, 2010

martedì, maggio 25, 2010

Eccheppalle

http://milano.repubblica.it/cronaca/2010/05/25/news/arrestato_sacerdote_lodi-4333375/

"Un sacerdote vicino al mondo omosessuale arrestato per pedofilia." Il cardinal Bertone si starà tirando una sega per la felicità.

Valete.

mercoledì, maggio 19, 2010

L'impero colpisce ancora































Santoro rescinde il contratto con la RAI per 10 milioni di euro (RaiNews24). Un po' tanto, in tempi di crisi. Ma la doppia presa per il culo, anzi tripla, è che a lamentarsene sono proprio quelli che ci guadagnano da questa situazione.

1 - Il Cda RAI è nominato dal governo. La scelta di liquidare Santoro (che è passata 7 voti a 2) è politica: 10 milioni per non averlo più fra le balle.
2 - La RAI, come al solito, toglie un programma di punta e perderà in ascolti di fronte a Mediaset, che è di proprietà del premier.
3 - Vi ricordate di quanto la RAI decise di annullare il contratto con SKY e togliere i suoi canali dal pacchetto della TV satellitare? L'azienda tv pubblica quella volta perse 50 milioni di euro (almeno, perchè c'è chi sostiene che in un contratto pluriennale, la cifra poteva arrivare a 200 milioni). Avete sentito qualcuno del PdL che si lamentò? Qualche elettore medio che gridò allo scandalo? Qualche TG che spiegò dov'era la notizia?

Vi rinfresco la memoria: la RAI concluse il contratto con SKY per passare i suoi canali a Tivù Sat, una società partecipata da RAI, Telecom Italia Media e Mediaset! Si, sempre quella! La tv del premier!

Improvvisamente la sedia è diventata più scomoda? No, ve lo hanno appena tolto dal culo.

Nella foto il tipo consigliere RAI.

Valete.

Dio è morto


Ronnie James Dio è morto nella mattinata del 16 maggio a 67 anni. Lo ricordo nel modo in cui l'ho conosciuto, tramite il film "Tenacious D" con Jack Black.

Valete.

martedì, maggio 18, 2010

E RaiNews24?















RaiNews24 nelle regioni del passaggio alla nuovasuperfantastictecnologia digitale terreste non si vede più: nè col decoder di Paolo Berlusconi, nè con quello di Sky. Lavori in corso, dice la Rai. Sarà.

I miei sensi di ragno mi dicono che c'è qualcosa che non va.

Valete.

Tagliamoci tutti le palle



Daniela Santanchè, un esemplare che getta vergogna sul genere femminile, ha detto la sua sulla privacy dei mafiosi.

"Che senso ha intercettare un mafioso mentre parla con la madre? E' un abuso".

Insomma, la privacy deve essere tutelata per tutti, compresi i boss. Qualcuno spieghi alla Santanchè che si tratta di boss mafiosi, non di Hugo Boss.

Anche AN si è dissociata da questa affermazione, quindi ve la dice lunga su quanto l'abbia detta grossa.

La Santanchè. Sopporto poco lei, e sopporto ancora meno quelli che dicono "non capisce un cazzo, ma una scopata gliela darei".

Errore! La Santanchè non si merita il sesso di nessuno. Sarebbe farle un favore.

Nel video Aldo Busi dice una sacrosanta verità.

Valete.

Il Giornalaccio





















La malafede allo stato puro: Di Pietro va spontaneamente dai giudici a testimoniare e Feltri riesce a vomitare questo titolo.

Feltri fa così schifo che, quando caga, la merda poi tira un sospiro di sollievo.

Valete.

lunedì, maggio 17, 2010

Prot!
















Stavo guardando "8 e mezzo" su La7. Ospiti dalla Gruber Carlo Rossella e Sabina Guzzanti.

La prima cosa che Rossella dice alla Guzzanti? Faziosa.

Carlo Rossella: ex direttore del Tg5, ex direttore di Panorama, presidente di Medusa Film. Con un curriculum simile, se non sa riconoscere un fazioso lui, chi ne è capace?

La Gruber domanda: "Confalonieri crede che il conflitto di interesse esista, ma che ormai sia endemico. Gli Italiani l'hanno digerito".

E sappiamo qual è il frutto della digestione, no?

Nella foto Rossella ci mostra come leccare un piede con le orecchie.












In questa foto, invece un simpaticone su wikipedia.

Valete.

Alto sgradimento






























Afghanistan. Muoiono due militari italiani a causa di un ordigno. 33 e 25 anni. Il governo: "La missione va avanti". Berlusconi: "Noi siamo fondamentali per la pace".

Deve essere la manovra Tremonti per risollevare l'economia. Visto che i sindacati non gli permettono di bloccare i pensionamenti, il governo ha deciso di lasciar eliminare direttamente i futuri pensionati.

La morale, come ogni volta, è una sola: NO alla guerra.

Nella repubblica dell'oppio, intanto, le indagini sulla nuova tangentopoli si stanno spostando in un impero che ha molti lati oscuri: pare infatti che i conti in banca dei protagonisti (Balducci, Anemone, ecc...) abbiano dei legamucci con la banca vaticana, lo IOR (repubblica.it).

Pare che a Londra abbiano già cominciato a dare una pulita al ponte dei Frati Neri.

Per quanto riguarda Scajola, la situazione si fa ancora più comica. Ma rivediamo in pochi passaggi l'accaduto.

- A Scajola qualcuno paga la casa.
- Scajola, che paga circa metà dell'appartamento, pare non si sia accorto di niente.
- Scajola dichiara: "Non mi dimetto, sarebbe come ammettere la mia colpevolezza".
- Scajola si dimette.
- Scajola dichiara: "Un ministro non può sospettare di abitare in una casa pagata in parte da altri".
- La moglie di Scajola dichiara: "Mio marito non è andato a testimoniare per non creare problemi ai veri colpevoli".
- Scajola dichiara: "Non è vero che non sono andato a testimoniare per non creare problemi ai veri colpevoli".

Vi rendete conto della vis comica di questa famiglia? Berlusconiani, in contraddizione fra loro, famosi ormai per una casa.
Tipo Sandra e Raimondo.

Cala la fiducia in questo governo (tant'è che i maligni vorrebbero un Silvio indisposto proprio per questo motivo) come cala quella per il papa. Chissa come mai? E' una persona così per bene!

Minimi storici per il gradimento di Ratzinger. Solo per il 47% della popolazione la chiesa è un'istituzione credibile. Da quando è stato eletto, i consensi sono andati calando ogni anno.

Solo nel 2008 ci fu un impennata nel gradimento, quando tirò fuori dall'armadio il cappellino rosso bordato di pelliccia bianca e molti lo confusero per babbo natale.

Ora un messaggio sociale. Visto che ancora non l'ho fatto, vi ricordo di sostenere e firmare per il referendum sull'acqua, per evitare che, come vuole questo governo, diventi un bene in mano ai privati.

Ecco il sito. Noi, come Federazione della Sinistra, saremo in piazza a raccogliere le firme da Mercoledì prossimo, a San Piero in Bagno.

Nella foto (http://poorlydressed.com/) un'immagine per trasmettere a chi non sta in Italia le stesse sensazioni che provo io.

Valete.

domenica, maggio 16, 2010

Scudetto fiscale






















L'Inter ha vinto lo scudetto. Sicuramente questo evento importantissimo migliorerà le sorti economiche del paese.

Valete.

mercoledì, maggio 12, 2010

C'è bocchino e Bocchino




















Dagospia annuncia che la "stima" di Berlusconi per la Carfagna è finita. La causa? La forte amicizia della Mara e Italo Bocchino.

Carfagna e Bocchino. Insieme dal 1994.
(ci pensate? Questo potrebbe essere l'unico caso in cui la causa di assunzione e di licenziamento coincidono.)

Valete.

Dillo a tutti, è segreto




















Madonna di Fatima. No, non è una bestemmia portoghese, parlo dell'apparizione della madre di Gesù ai pastorelli di Fatima.

L'unica sopravvissuta dei tre bambini rivela al Vaticano la presunta rivelazione che la madonna comunicò loro: rivelazione che verrà diffusa nel mondo in tre parti, puntando molto su quella finale.

Come nelle migliori trilogie hollywoodiane.

Quindi, Papa Wojtyla, quello freddoloso, pubblica la terza parte nel 2000, leggendoci l'episodio del suo fallito attentato per mano di Alì Agca.

Ratzinger, che ne sa una più di Ratzinger, in questi giorni a Fatima ha deciso di rispolverare quel terzo capitolo e di rileggerlo come fa più comodo a lui: non più l'attentato al papa vecchio, ma la crisi pedofilia che sta facendo vacillare il regno di Benedetto XVI.

Ratzy rilegge e reinterpreta un segreto che Wojtyla aveva già interpretato. Sapete come si chiama questo?

RELATIVISMO!

Tiè.

Nella foto, Madonna e Gesù.

Valete.

martedì, maggio 11, 2010

Errori ed orrori



Errore. Ciancimino Junior modifica un po' la sua versione: "Silvio Berlusconi non aveva rapporti con la mafia, erano i suoi collaboratori che si intrecciavano ai malavitosi a sua insaputa."

Tipo Scajola.

E continua: "Secondo mio padre, Berlusconi è stato la più grossa vittima della mafia".

Si, la più grossa vittima della mafia ancora viva.

Strano che Falcone e Borsellino non abbiano commentato la notizia.
Ah già, sono esplosi.

Però tutto segue un disegno: Berlusconi diventa vittima della mafia mentre Emilio Fede straparla di Saviano.
Saviano, come si permette a passare da vittima? Emilio Fede è sconcertato, talmente sconcertato che Berlusconi ha dovuto usare la carta igienica, questa settimana.

A proposito di non-giornalisti. Studio Aperto dà il meglio di sè mandando in onda un servizio su un congiuntivo sbagliato di Di Pietro. Livello politico? Nullo. Ovvio Di Pietro parla un italiano tutto suo, ma con questo servizio il Trashgiornale di Italia1 si dimostra peggiore ogni giorno che passa. Ecco il testo del servizio:

(Video di Di Pietro che dice "venghi" al governo)

Servizio di Angelo Santoro.

"Venghi venghi, il governo venghi". Tonino regala ai posteri un'altra chicca linguistica, capace di fare impallidire l'ormai mitico "che c'azzecca" di lontana memoria. Di Pietro è ormai così, mani pulite e cervello fino. Ma la crusca per lui è solo un cereale, l'accademia preferisce lasciarla ad altri. Dall'Italia dei Valori al valore dell'italiano.

Ok, hanno finito coi giochi di parole. Me li immagino, in redazione, tutti intorno al tavolo, come quando prepari lo scherzo al prof, o scrivi la pasquella.

Nella rete che lui tanto ama e corteggia, l'idioma Di Pietro diventa persino un rap.

Nella rete che tanto amate, la cosa non è reciproca anche per voi.

(video di Di Pietro che sbaglia genere per l'"Italia dei Valori")

E così l'Italia dei valori, di sesso femminile, diventa maschio e malvista, anzi malvisto, in forza della ruvida virilità anche linguistica del leader Di Pietro.

Ruvida virilità: niente a che vedere con Silvio che vuole solo le immigrate albanesi fighe.

(video dovo Di Pietro dice "noi da solo")

No, "noi da solo non ce la possiamo fare", plurare e singolare si fondono in un uomo che poi, a chi lo mette in dubbio, rivendica la sua cultura sventolando la laurea in giurisprudenza. E' vero, talvolta il vocabolario dell'ex pm chiede giustizia, ma Tonino non cede e va per la tua strada e al governo intima "venghi, venghi pure".

Ecco, forse Tonino non sa l'Italiano, o forse ha detto "venghi" perchè sapeva che sarebbe finito al circo.

Venghino, signori, venghino! Ammirino un tg che sa l'Italiano, ma non sa dire la verità.

Nel video in alto, Studio Aperto prima che venisse avvertito della fine dell'impero ottomano.

Valete.

sabato, maggio 08, 2010

Eeew!


















Che brutta immagine.

Valete.

mercoledì, maggio 05, 2010

In tutti i laghi

La prova che Valerio Scanu ha vinto Sanremo plagiando l'idea di un pezzo fondamentale della musica italiana. Vi sembrava strano che sognasse di far l'amore "in tutti i laghi"? Ecco da dove ha preso ispirazione.



Valete.

martedì, maggio 04, 2010

Col ratto in bocca/3















Da Wikipedia, pagina "Claudio Scajola":

Il caso Alitalia

Scajola era ministro dell’Interno da qualche mese quando l'Alitalia affidò ai propri manager il compito di studiare l’istituzione di un volo quotidiano dall’aeroporto di Albenga (33 chilometri daImperia, città natale del ministro e suo collegio elettorale) a quello di Roma Fiumicino. La nuova rotta, anche grazie all'interessamento del ministro, entrò in funzione Il 17 maggio 2002 e il nuovo collegamento venne presentato ufficialmente dall’amministratore delegato dell’Alitalia Francesco Mengozzi e dal ministro dell’Interno Claudio Scajola. Ma con la stessa velocità con cui era stato istituito, il collegamento diretto Albenga-Fiumicino venne soppresso dall’Alitalia poco dopo le dimissioni di Scajola dal Viminale. L’ex deputato di Rifondazione comunista Gigi Malabarba presentò una interrogazione parlamentare affermando che il massimo storico di passeggeri registrati su quel volo era stato di 18 unità. “Era un volo ad personam per il ministro Scajola”, sottolineò. Poco dopo il rientro di Scajola al governo, questa volta come ministro per l’attuazione del Programma (28 agosto 2003), ricomparve anche il volo ma non più tra le rotte di Alitalia, bensì con Air One, in regime di continuità territoriale con i contributi dello Stato: un milione di euro che il governo Berlusconi aveva messo a disposizione dei collegamenti aerei fra le aree più “decentrate”, ma anche il volo Air One in seguito venne cancellato nel 2007, quando Scajola non era più al Governo. Nel Governo Berlusconi IV Scajola è ministro delle attività produttive ed il volo Albenga-Fiumicino viene ripristinato.

Più lo leggo, e più mi fa ridere.


Valete.

Col ratto in bocca/2

Scajola rincara la dose: "Forse la mia casa è stata pagata da altri". Quindi ecco

le dieci migliori frasi che cominciano con "forse" pronunciate da Scajola

10. Forse se Marco Biagi avesse avuto una scorta sarebbe ancora vivo.
9. Forse appoggio le centrali nucleari solo per interesse di qualcuno.
8. Forse quella volta che ho fatto 70 giorni di galera non avevano tutti i torti.
7. Forse l'OMS inserirà il mio cognome nei suoi registri.
6. Forse mi dimetto un altro paio di volte e poi vado in pensione.
5. Forse è strano che il volo Albenga-Fiumicino sia attivo solo quando sono ministro io.
4. Forse al G8 di Genova ho dato l'ordine di sparare ai manifestanti, non ricordo.
3. Forse la nonnina di cappuccetto rosso era in realtà il lupo cattivo.
2. Forse se mi hanno scelto per scrivere lo statuto di Forza Italia c'è un motivo.
1. Forse se stessi zitto ogni tanto farei più bella figura.

Valete.

Col ratto in bocca















Scajola (3/5/10): "Non mi dimetto. Sarebbe ammettere che mi hanno trovato col ratto in bocca".
Scajola (4/5/10): "Mi dimetto."

Eh beh.

Valete.